Nuove sospensioni Matris per BMW R nineT

29 settembre 2017
di Leonardo Parolo
Nuove sospensioni Matris per BMW R nineT
La BMW R nineT Racer nel corse del nostro test sulle strade della mitica Targa Florio
La vicentina Matris presenta una linea di sospensioni per le BMW R nineT Scrambler e Racer, dai monoammortizzatori entry level agli ammortizzatori di sterzo più raffinati

Nuovi muscoli per le BMW R nineT Racer e Scrambler

Nuove sospensioni Matris per BMW R nineT
I tappi forcella in alluminio nascondono le regolazioni del kit F15K

Per rendere le BMW R nineT Scrambler e Racer ancora più performanti sul fronte delle sospensioni l’azienda italiana Matris ha messo a punto una linea specifica aftermarket composta da ammortizzatori di sterzo, monoammortizzatori e kit forcella. Di seguito troverete le specifiche tecniche e i prezzi dei vari modelli, inoltre ogni componente è personalizzabile direttamente dall’azienda su specifiche del cliente, che può richiedere regolazioni personalizzate a seconda del peso e dell’utilizzo della moto.

Matris SDR ed SDK: sicurezza sul veloce e maneggevolezza nello stretto

Nuove sospensioni Matris per BMW R nineT
L'ammortizzatore di sterzo SDR, il più raffinato e regolabile

A livello di ammortizzatori di sterzo Matris propone due unità, una di carattere più racing e una dal carattere stradale. Il modello più sportivo e raffinato è l’SDR, con cilindro esterno in titanio, sistema a doppia camera coassiale con cilindro interno in lega di alluminio AI 7075 (cioè Ergal) anodizzato e stelo in acciaio lappato con rivestimento TIN. Il serbatoio pressurizzato dell’azoto è esterno e la ghiera di regolazione permette 16 posizioni del freno idraulico. L’ammortizzatore di sterzo SDK differisce solo per pochi dettagli rispetto all’SDR: perde lo stelo in acciaio lappato con trattamento TIN ed è regolabile su 13 posizioni, ma mantiene la costruzione in titanio e lo smorzamento progressivo “SpeedSensitive” che reagisce alle sollecitazioni brusche aumentando automaticamente lo smorzamento idraulico, mantenendo al contempo inalterata la manovrabilità alle basse velocità. I prezzi vanno da 445 a 565 euro.

Componentistica al top per i "mono" vicentini

Nuove sospensioni Matris per BMW R nineT
Il monoammortizzatore Matris M46R, regolabil in precarico, estensione e compressione separata per le alte e basse velocità

L’offerta di Matris sul fronte del monoammortizzatore posteriore si articola sui modelli M46KD, M46K ed M46R. Tutti gli ammortizzatori sono realizzati in Ergal con molla in acciaio al Cromo-Molibdeno e stelo in acciaio con riporto al Cromo duro. La regolazione del precarico può avvenire sia attraverso la classica ghiera millimetrica sia tramite comando idraulico, remoto o integrato. L’entry level KD è regolabile solo in estensione e ha il serbatoio dell’azoto integrato nel corpo dell’ammortizzatore, il K aggiunge il serbatoio esterno e la regolazione di estensione e compressione idraulica. Per chi volesse il massimo delle regolazioni è disponibile l’M46R, con serbatoio dell’azoto separato e pistone interno flottante, compressione separata tra alte e basse velocità e stelo con trattamento TIN per la massima scorrevolezza. I prezzi vanno da 655 a 1.580 euro.

Kit forcella: doppio step per tutte le tasche

Per concludere, Matris ha pensato anche a due kit forcella, uno con la sola regolazione del precarico e uno con regolazioni complete. L’FKE è il primo step, con molle lineari in lega di acciaio al Silicio-Cromo e tappi in Ergal con regolazione del precarico. Per chi volesse invece cambiare radicalmente il comportamento della sospensione anteriore è disponibile l’F15K, un kit composto da cartuccia idraulica da 20 mm in alluminio anodizzato, valvole lamellari dedicate e valvole anticavitazionali; la forcella così diventa completamente regolabile tramite i registri in cima agli steli. I prezzi vanno da 245 a 565 euro.

Nuove sospensioni Matris per BMW R nineT
Il kit Matris F15K rende la forcella completamente regolabile
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta