MV Agusta Brutale Pathos by GP Design

8 dicembre 2012
  • Salva
  • Condividi
  • 1/19 MV Agusta Brutale Pathos by GP Design
    Dai torinesi di Officine GP Design una trasformazione stupefacente basata sulla stilosa MV Agusta Brutale, che diventa Café Racer senza perdere nulla della sostanza moderna (NUOVE FOTO IN GALLERY)

    Mv agusta brutale pathos by gp design

    Prendete una MV Agusta Brutale, togliete tutto quanto ci sia di moderno nelle sovrastrutture e sostituitelo con elementi dal design squisitamente ed inequivocabilmente anni 60. Otterrete una particolarissima Café Racer che “sotto” mantiene la tecnologia più attuale per quanto riguarda il motore e la ciclistica.

    Questo bell’esercizio è stato portato a Eicma dalle Officine GP design di Torino, una special che ha certamente attirato l’attenzione degli appassionati, una café racer in stile anni 70 che strizza l'occhio alle moto portate in gara da Giacomo Agostini, per un incontro costruttivo e riuscito tra storia del marchio e modernità. Vediamo nel dettaglio le parti speciali montate sulla Brutale esposta al salone (che costa in tutto 34.500 euro)

    • Serbatoio, cupolino e codino in alluminio spazzolato battuto a mano (verniciatura optional) Kit Officine GPdesign
    • Sella in simil pelle con seduta a “cannelloni” e schienalino (optional in pelle)  Kit Officine GPdesign
    • Faro posteriore a led  Kit Officine GPdesign
    • Faro anteriore tondo Angel Eyes con ghiera in alluminio  Kit Officine GPdesign
    • Telaietto per cupolino  Kit Officine GPdesign
    • Plexiglas bombato
    • Tappi serbatoio doppi Rizoma  
    • Ruote a raggi Kineo Neri opachi con nippli rossi
    • Pasa leve pro Guard rizoma
    • manubrio Kit Officine GPdesign
    • Manopole Rizoma
    • Porta targa in alluminio Rizoma
    • Pedane arretrate regolabili Rizoma
    • Impianto di scarico completo nero  HP Corse
    • tamponi Rizoma
    • frecce ant-post Rizoma
    • verniciatura opaca-lucida /Rosso Pathos

    Il prezzo del kit? 4.477 euro Iva inclusa

    Alcune particolarità: le sovrastrutture sono in alluminio a vista con trasparente opaco, il rosso "Pathos" optional permette di intravedere le linee dell'alluminio spazzolato a mano.
    Il serbatoio ha il doppio tappo, uno per la benzina, l'altro con uno speciale innesto per poter inserire lo smartphone con il cavo di ricarica.
    Sul serbatoio spicca su entrambi i lati il logo MV retro illuminato da led, con ghiera in alluminio.

     

    "Quando ho sognato la Pathos, cercavo risposte attingendo nel passato, mi resi conto che il passato fa parte di me, del mio presente, creare una moto non volgare, non volevo una replica, un'identità propria... non volevo fosse soltanto un incontro delle mie esperienze visive del mondo motociclistico da me vissuto. Una moto  realizzata con tecniche artigianali con una finitura attuale. Una moto da toccare da vivere con quella ruvidezza, quelle imperfezioni che diventano peculiarità tattile, un'omogenea visione dal disegno pulito, un impatto forte con il rosso "PATHOS" che lascia intravedere il passaggio delle mani che hanno lavorato l'alluminio".
    Luca Pozzato di Officine GP Design

    Nel 2013 arriverà la Essentia, special su base Triumph Bonneville presentata in nanteprima a Eicma 2012, ma per scoprire anche tutte le altre proposte di Officine GP Design per quanto riguarda accessoristica e abbigliamento visitate il sito ufficiale


    www.officinegpdesign.com

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta