Moto Guzzi MGX-21 Flying Fortress: la maxi bagger italiana

17 novembre 2015
di Leonardo Parolo
  • Salva
  • Condividi
  • 1/43 Moto Guzzi MGX-21 nell'immagine di apertura del mini sito dedicato
    Sulla base del concept esposto l’anno scorso, Moto Guzzi lancia sul mercato la sua prima maxi bagger, innovativa nel design e nelle soluzioni tecniche. Info e foto

    Finalmente la versione definitiva!

    Moto Guzzi entra nel segmento delle bagger di grossa cilindrata rompendo gli schemi con le tradizioni della Casa. L’avevamo pizzicata già tempo fa durante i collaudi su strada, ma ora è diventata realtà, Moto Guzzi presenta ad Eicma 2015 la MGX-21 Flying Fortress, una bagger aggressiva, filante e tecnologica basata sulla meccanica della California 1400.

    Le caratteristiche della nuova maxi di Mandello

    Moto Guzzi MGX-21 Flying Fortress: la maxi bagger italiana

    La Flying Fortess si presenta in abito raffinato e futuristico: la ruota anteriore da 21” è in lega con una copertura in carbonio, le basse valigie sono inglobate nel codone (come nel prototipo originale) e il cruscotto a doppio strumento circolare con display Lcd, ospitato nell'inedito e protettivo cupolone, integra un raffinato sistema di infotainment. Quest’ultimo comprende l’impianto stereo e gestisce il sistema di interfono. La presenza del modulo bluetooth garantisce la completa interazione con device esterne, tra cui lo smartphone, che può essere utilizzato come lettore di brani musicali o per gestire la piattaforma multimediale di Moto Guzzi (MG-MP). I lunghi silenziatori corrono paralleli al terreno sotto alle borse, richiamando quelli della più tradizionale California 1400, mentre i cilindri con i coperchi delle teste in rosso alluminio rendono la moto inconfondibile.

    Dentro la moto: sicurezza e innovazione

    Moto Guzzi MGX-21 Flying Fortress: la maxi bagger italiana

    Bandiera tecnologica della Casa, la MGX-21 è equipaggiata con le ultime evoluzioni dei sistemi elettronici Moto Guzzi: il bicilindrico è omologato Euro 4 e può contare su un acceleratore Ride-by-Wire, cruise control e mappature selezionabili. I 120 Nm di coppia -disponibile già a bassi regimi di rotazione- sono tenuti a bada da un controllo di trazione regolabile ed escludibile; presente ovviamente anche l’ABS. 

    Cliccate qui per conoscere tutte le novità di Moto Guzzi ad Eicma 2015.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta