"La Vitpilen 701 vibra più della Duke, ma il feeling è migliore”

23 June 2018
di Nicolas Patrini
  • Salva
  • Condividi
  • 1/23 L'Husqvarna Vitpilen 701 2018 è spinta da un motore monocilindrico di 692 cc
    Per conoscere i segreti della Vitpilen 701 abbiamo intervistato Manfred Schlager, Project Leader di Husqvarna. Inevitabile il confronto con la “cugina” KTM 690 Duke

    Pur avendo molto in comune con la “cugina” KTM 690 Duke, la Vitpilen vibra di più, soprattutto in corrispondenza dei manubri. Perché?
    “Il monocilindrico monta gli stessi contralberi per smorzare le vibrazioni ed è dinamicamente bilanciato allo stesso modo. Quel che cambia è il fissaggio del manubrio al complesso di sterzo. Per rendere più diretto e “sincero” possibile il feedback con l’avantreno abbiamo scelto di montare i manubri sulla piastra di sterzo direttamente, metallo-sumetallo, eliminando i silent-block che aumentano il comfort smorzando quasi tutte le frequenze provenienti dal motore, ma filtrano anche molte delle “informazioni” provenienti dall’avantreno e in particolare dallo pneumatico anteriore. Riteniamo tuttavia che il livello di vibrazioni sia contenuto e che non infici il comfort di guida".

    Nella guida sportiva avremmo apprezzato un freno anteriore con più “mordente
    "Abbiamo valutato diverse soluzioni, soprattutto per la composizione della mescola delle pastiglie frenanti. Componenti più aggressivi avrebbero soddisfatto una clientela più sportiva, ma probabilmente chi non guida con la vostra… foga, avrebbe giudicato eccessivo il loro “attacco” nelle decelerazioni più dolci. In combinazione con il sistema ABS (escludibile, come il traction control, ndr), questa soluzione si è rivelata a nostro giudizio la più efficace e apprezzabile dal maggior numero di clienti”.

    Alcuni componenti, in relazione al prezzo della moto, ci sono sembrati un pò “cheap”
    "Il blocchetto destro maschera con una grande semplicità estetica una grande complessità interna. In generale, tutte le componenti della moto sono progettate, industrializzate e costruite in Europa, a garanzia di qualità di altissimo livello. Le sospensioni per esempio sono di WP, altra Azienda del nostro Gruppo. Non dovete dimenticare che la Vitpilen 701 monta un motore che, pur essendo un monocilindrico, offre prestazioni che molti “frazionati” non avvicinano nemmeno, con in più un’affidabilità non immaginabile solo pochi anni fa: tenete conto che gli interventi di manutenzione sono previsti ogni 10.000 km, il che si traduce in piacere di guida e assenza di preoccupazioni. Tutto questo ha un costo. La qualità con “Q” maiuscola ha un prezzo, ma regala sensazioni impagabili…".

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta