Dalla Triumph Tiger 800 XC alla ICON 1000 Dromedarii

11 febbraio 2013
  • Salva
  • Condividi
  • 1/19 Dalla Triumph Tiger 800 XC alla ICON 1000 Dromedarii
    Una special che è al tempo stesso post atomica e military style, piena di soluzioni furbe ma… messa insieme con parti (anche) di recupero. Una moto con una personalità ben definita e pronta a tutto

    Dalla triumph tiger 800 xc alla icon 1000 dromedarii

    Loading the player...

    I ragazzi della ICON 1000 l’hanno pensata per muoversi nei territori disastrati dalle guerre, laddove alle perdite di vite  umane si sommano danni incalcolabili alle infrastrutture. Per riportare un po’ di umanità in quei luoghi serve un mezzo agile, robusto, senza fronzoli, che non abbia problemi di carico o autonomia e che non tema di dover affrontare fondi al limite della praticabilità.
    Il risultato è la Dromedarii. Sfogliate la gallery e guardate il video, poi riprendiamo il discorso.

    TIGER ALL’ENNESIMA POTENZA
    Alla factory di Portland hanno pensato ad una special senza compromessi. Come base tecnica per la Dromedarii è stata scelta una Triumph Tiger 800 XC del 2011, che non è stata sottoposta a particolari interventi al motore se non il montaggio dello scarico LeoVince GP. Anche il telaio non cambia, ma a parte questo, la moto si trasforma totalmente.

    PRONTA PER L’APOCALISSE
    Tutto è stato modificato all’insegna dell’off road duro. Quindi le sospensioni hanno subito un trattamento Öhlins, le gomme sono Continental TKC80, le già essenziali sovrastrutture originali sono state rimpiazzate da un vestito ancor più spartano, a base di piastre metalliche. Al posteriore, poi, si riconosce un codone monoposto ex Ducati 916, ovviamente modificato per renderlo ancor più esile ed adattarlo al nuovo telaietto rialzato. Sempre al posteriore, abbiamo un portapacchi con struttura portante tubolare sovrastata da piano metallico, il tutto replicato anche all’anteriore, dove compaiono anche un nuovo manubrio e il doppio faro con grossi proiettori a led.

    SUPER TANKER
    La moto si chiama Dromedarii, quindi lo spirito da nave del deserto deve essere ben evidente. Il serbatoio originale è stato così sostituito con uno maggiorato fatto a mano e realizzato prendendo ispirazione dalle taniche militari. Anzi, ai lati ci sono pure le taniche vere e proprie. Ne consegue un’autonomia presumibilmente molto aumentata, mentre il peso di sicuro aumentato è compensato con l’uso di una leggera batteria al litio. Per finire, ecco la colorazione “desert” e gli adesivi “ICON” sulla forcella.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta