Brutale 800 ONE by Officine GP Design: MV Agusta con l’iPad integrato

13 giugno 2013
  • Salva
  • Condividi
  • 1/14
    Si chiama “One” ed è, per cominciare, una special dal look originale e coraggioso, vista la base MV. Ma soprattutto è la prima moto al mondo nata per essere iper connessa grazie ai dispositivi Apple “di serie”

    Brutale 800 one by officine gp design: mv agusta con l’ipad integrato

    Prendere una moto e usarla come base per una special non è un’idea pi così originale. Lo fanno tutti, semplici appassionati o professionisti (cliccate sui link per le gallery), lo fa da tempo anche il preparatore torinese Officine GP design, che recentemente ha proposto le belle Pathos (su base MV Agusta Brutale: cliccate qui) ed Essentia (su base Triumph Bonneville: cliccate qui). Ma ora Luca Pozzato se ne esce con un’idea veramente rivoluzionaria, forse già proposta da altri come studio di design ma mai trasformata in realtà: integrare la moto con i dispositivi Apple. Non si tratta semplicemente di poter collegare un iPad alla moto, qui il tablet diventa parte integrante della moto.

     

    IPERCONNESSA

    Presentata da poche settimane, la One (cliccate qui per la gallery) è una concept bike su base MV Agusta Brutale 800 (cliccate qui per il nostro test della naked di Schiranna) ma praticamente pronta per la produzione. A parte qualche intervento tecnico e il design, che “osa” modificare pesantemente i canoni estetici MV Agusta, in genere ritenuti… intoccabili, la moto di Officine GP Design ha nel connubio tra motocicletta e mondo Apple la sua caratteristica principale: non esiste il cruscotto, al suo posto un iPad Mini con un software sviluppato ad hoc abbinabile (in futuro) alla nuova app “Flag Me”, sistema di geolocalizzazione per emergenza, in cui il navigatore integrato è dotazione minima di base. Anche gli specchi tradizionali andrebbero eliminati, secondo il progetto originario, al loro posto ci andrebbero degli iPod Touch di ultima generazione, con telecamere posteriori. Ma in questo caso l’omologazione si fa ardua… va da sé che l’iPad che fa da crucotto può esserer staccato e usato come un normale tablet.

     

    PENSATE SE…

    Alla prevedibile perplessità di qualche purista, che si chiede se di tutto questo ci sia veramente bisogno, Luca Pozzato risponde così: “L'integrazione con uno strumento che è una piattaforma software permette di fare molte cose mai provate. Immaginate di scaricare dal web un nuovo stile di cruscotto, di personalizzare comandi, di inserire funzioni o evidenziare contagiri e temperatura acqua in estate o ancora inserire allarmi, integrare segnali di pericolo... Se le "app" cominciano a condividere avvisi con la moto quanto sarebbe più sicura la strada? E se con l'elettronica eliminassimo anche la chiave?”. Provocazioni? Forse, ma noi le vediamo più come dichiarazioni d’intenti.

     

    LE ALTRE MODIFICHE (QUELLE… NORMALI) ALLA BRUTALE 800 DI BASE

    Per i patiti delle cose più motociclisticamente normali, la One è un mezzo con molte caratteristiche ricercate ed esclusive. Vediamole nel dettaglio.

    • Codone monoscocca in alluminio battuto, come nella storia delle moto da corsa. Verniciatura in metal-cromo e due fari a led sovrapposti
    • Serbatoio in alluminio come il codone, rifinito da una placca in ergal verniciata a polvere con incastonata targhetta in alluminio (logo ONE e numero dell'esemplare di produzione)
    • Verniciatura della parte anteriore del serbatoio con una tecnica sviluppata da Officine GP per far intravedere la satinatura dell'alluminio sottostante
    • Faro anteriore con tecnologia a 12 Led supportato da un guscio in ergal ricavato dal pieno
    • Forcella rovesciata con piedini ricavati dal pieno ed ammortizzatore posteriore realizzato in esclusiva da Matris
    • Componenti Rizoma tra cui pedane, porta targa, leve regolabili, protezioni carter, Proguard su freno anteriore (lo stesso utilizzato in MotoGP), ed infine piastre forcella realizzate in esclusiva
    • Scarico ultraleggero realizzato completamente in titanio e terminale con fondello in carbonio fornito in anteprima mondiale dalla HPCORSE (Luca Pozzato non dichiara se le modifiche all’impianto di scarico abbiano prodotto variazioni nelle prestazioni, ma scommetteremmo di sì. E comunque è certo che il sound è, diciamo, cambiato…)
    • Sella con spugna memory ad alta densità per migliorare il comfort, finita in pelle tutto realizzato a mano
    • Cerchi a raggi completamente neri, pinze freni anteriori nere radiali

     

    Officine GP Desig One è un'edizione limitata di soli 19 esemplari e costa 39.000 euro. Si può avere anche senza i dispositivi Apple integrati e in questo caso costa un po’ meno (ma non si sa esattamente quanto)

     

    www.oneofficinegpdesign.com

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta