segui Motociclismo su:

Cerca nel sito

BMW R nineT: roadster modulare per il compleanno

Svelata a Monaco la moto che celebra i 90 anni BMW: si chiama “nineT” e riassume gli stilemi storici della Casa con un design essenziale e purista. Il motore Boxer raffreddato ad aria e olio equipaggia un modello esclusivo e “modulare” grazie anche al telaio scomponibile. Prezzo e disponibilità

di Nicolo' Codognola

Una roadster che riassume 90 anni di storia del marchio BMW: la R nineT (si scrive esattamente così e in inglese suona come la pronuncia del numero Novanta), con l’intramontabile motore boxer, si distingue per un design che abbraccia il linguaggio formale di tutte le epoche motociclistiche. Il risultato è una moto essenziale, personale e modulare.

 

DIVENTO COME VUOI

Proprio così: questo modello infatti si caratterizza principalmente per la possibilità di trasformarsi secondo le esigenze e i gusti di chi la possiede e la guida. Non si tratta della “solita” gamma di accessori. Certo, ci sono anche quelli, ma la nineT si distingue per un telaio tutto nuovo, sviluppato appositamente per questo modello e per venire incontro alle esigenze di trasformazione della moto. Il telaietto che sorregge il codino, le pedane e la sella del passeggero, ad esempio, si può smontare facilmente per far diventare la nineT una monoposto senza compromessi. In questo caso targa e impianto luci posteriore trova posto sul forcellone monobraccio. Oppure si può rinunciare al passeggero semplicemente aggiungendo un affusolato guscio coprisella.

Ma non finisce qui. Il doppio scarico laterale, d’aspetto molto custom, può essere facilmente sostituito con un silenziatore singolo (Akrapovič) oppure, con l’aggiunta di una sorta di prolunga del collettore, farlo spuntare alto, quasi sotto la sella, lasciando così scoperta la ruota posteriore.

Tutto qui? Certo che no. L’immagine di roadster pura della nineT è sottolineata da molti componenti dedicati. Come le ruote a raggi, la forcella a steli rovesciati (in luogo del tradizionale Telelever BMW), il serbatoio in alluminio con fianchetti spazzolati a mano, la sella con cuciture a contrasto e i tanti dettagli che sottolineano l’esclusività del mezzo. L’inedita strumentazione (con tachimetro e contagiri analogici, completati da un LCD centrale), le tante parti in alluminio fucinato e sabbiato, il logo BMW sul coperchio lampadina nel faro tondo, la targhetta identificativa sul cannotto di sterzo. Tutti pregi che non stonerebbero su una special e che denotano il carattere di una lavorazione quasi artigianale.

 

L’ULTIMA AD ARIA

Ma veniamo alla tecnica. Nel telaio (diviso in due parti, una anteriore unita al cannotto di sterzo, una posteriore nella quale si infulcra il forcellone) il motore svolge funzione di elemento stressato. È un Boxer e non potrebbe essere altrimenti, su questo modello celebrativo, perché anche la prima BMW -la R 32 del 1923- aveva questa configurazione. Il bicilindrico contrapposto non è quello, moderno e con raffreddamento misto aria/liquido che ha debuttato sulla R 1200 GS (qui la nuova versione Adventure), ma l’ultima versione raffreddata ad aria e olio, con distribuzione a doppio albero a camme in testa e valvole radiali. Un tributo alla tradizione che si sposa alla perfezione con lo stile essenziale e purista della nineT, ma non rinuncia alle prestazioni. In questa configurazione infatti, il Boxer conserva la cilindrata di 1.170 cc, eroga una potenza massima di 110 CV a 7.750 giri e raggiunge i 119 Nm di coppia a 6.000 giri. Considerato il carattere puramente roadster della nineT, votato al puro piacere di guida, la trasmissione finale è stata leggermente accorciata, per migliorare le doti di accelerazione e ripresa.

 

NIENTE TELELEVER

La ciclistica è votata alla guida sportiva, come lascia intendere la vistosa forcella a steli rovesciati da 46 mm, derivata dalla S 1000 RR. Su questo modello però sono state eliminate le molteplici possibilità di regolazione. Al posteriore invece, un pratico pomello consente di variare il precarico del monoammortizzatore, collegato al sistema Paralever del forcellone monobraccio. Di aspetto sportivo anche l’impianto frenante anteriore, con pinze ad attacco radiale e dischi di generoso diametro (320 mm) e l’ammortizzatore di sterzo, nascosto sotto il cannotto, dietro la piastra inferiore. I blocchetti elettrici non portano la solita abbondanza di pulsanti per gestire i dispositivi elettronici, ma c'è l'ABS di serie, quindi non è escluso che ci sia anche un dispositivo antipattinamento.

 

QUANDO LA VEDREMO, QUANDO SARÀ IN VENDITA, QUANTO COSTERÀ

Lunghissima, come da tradizione BMW e ancor più per questo speciale modello, la gamma di accessori e l’equipaggiamento dedicato al pilota. Ovviamente la vedremo a Eicma 2013, insieme alla super naked su base S 1000 RR , alla GS Adventuree alla R 1200 RT raffreddata a liquido (nonché lo scooter elettrico C evolution in versione “produzione”).

Per acquistarla bisogna invece aspettare marzo 2014 e preparare un assegno da poco più di 15.000 euro (prezzo indicativo).

 

Ma ora stacchiamo un attimo con un paio di video che celebrano i 90 anni BMW, poi torniamo a parlare della moto, di accessori e dati tecnici.

 

Loading the player ...

 

90 ANNI IN 90 SECONDI

Loading the player ...

 

BMW R nineT: ACCESSORI ORIGINALI

  • Borsa serbatoio
  • Borsa posteriore
  • Pad per i fianchetti del serbatoio
  • Copertura del sellino in alluminio con imbottitura per la schiena
  • Sella Custom con scritta R nineT
  • Sella passeggero Comfort
  • Carter involucro motore HP Carbon
  • Parafango ruota anteriore HP Carbon
  • Terminale di scarico Akrapović in titanio
  • Tubo di collegamento lungo con attacco e coperchio per terminale di scarico Akrapović in posizione alta
  • Tubo di collegamento corto per terminale di scarico Akrapović in posizione bassa
  • Attacco per terminale di scarico di serie Akrapović oppure per il terminale di scarico offerto come accessorio (posizione bassa) quando viene smontata la sella del passeggero
  • Impianto antifurto
  • Manopole riscaldate
  • Indicatori di direzione LED
  • Supporto per BMW Navigator con collegamento alla rete di bordo

 

SCHEDA TECNICA

Motore

Cilindrata

cc

1170

Alesaggio/corsa

mm

101/73

Potenza

kW/CV

81/110

a regime

g/min

7750

Coppia

Nm

119

a regime

g/min

6000

Tipo

Boxer bicilindrico a raffreddamento aria/olio

Numero cilindri

2

Compressione/carburante

12,0:1, super senza piombo (95-98 ottani)

Valvole per cilindro

4 DOHC

Ø Aspirazione / scarico

mm

39/33

Ø Farfalla

mm

50

Alimentazione / Gestione motore

BMS-K+

Depurazione gas di scarico

catalizzatore regolato a tre vie

Trasmissione

Frizione

a secco ad azionamento idraulico

Cambio

a sei rapporti ad innesti frontali

Trasmissione primaria

1,737

Rapporti I

2,375

II

1,696

III

1,296

IV

1,065

V

0,939

VI

0,848

Trasmissione finale

albero cardanico

Rapporto

2,91

Ciclistica

Telaio

a doppia trave, motore a funzione portante

Sospensione anteriore

forcella telescopica a steli rovesciati, Ø 46mm

Sospensione posteriore

BMW Paralever con monobraccio centrale

Escursione anteriore/posteriore

mm

120/120

Avancorsa

mm

102,5

Passo

mm

1476

Inclinazione cannotto sterzo

gradi

64,5

Freni

anteriore

a doppio disco Ø 320 mm

posteriore

monodisco Ø 265 mm

ABS

BMW Motorrad ABS

Ruote

cerchi a raggi

anteriore

3,5 x 17"

posteriore

5,5 x 17"

Pneumatici

anteriore

120/70 ZR17

posteriore

180/55 ZR17

Dimensioni e pesi

Lunghezza totale

mm

2220

Larghezza con specchi

mm

890

Altezza della sella

mm

785

Peso DIN in ordine di marcia

kg

222

Peso totale ammesso

kg

430

Capacità utile del serbatoio

litri

17

Consumo

90 km/h

l/100 km

4,5

120 km/h

l/100 km

5,8

Prestazioni

0‒100 km/h

s

3,6

Velocità massima

km/h

>200

 

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia