Social

Cerca nel sito

Addio patentino, nel 2013 patente AM per i 50 cc

Sparisce il patentino e arriva la patente AM, che vale anche per l’estero ma solo se si hanno almeno 16 anni. Per ottenerla serve un esame, con la stessa modalità delle altre patenti e programmi diversi da quelli attuali

Dal 19 gennaio 2013 cambia tutto in fatto di patenti. Ve ne abbiamo già parlato e vi invitiamo a cliccare qui per ripassare le modifiche che verranno introdotte (qui invece per una panoramica generale sul discorso patenti). Ora approfondiamo il discorso sulla licenza che servirà per guidare i cinquantini.

MAI PIÙ PATENTINO
Il patentino, intendiamo. Anzi, la patente AM, dato che dal 19 gennaio per guidare i 50 cc servirà una patente vera e propria (scoprite qui com'è fatta), come recita il Decreto legislativo 18/4/2011 n. 59 (attuazione delle direttive 2006/126/CE e 2009/113/CE concernenti la patente di guida). Ma non è un mero cambiamento di nome, le modifiche sono estese alle modalità di conseguimento e alla validità. 

ESAME
Fino ad oggi, al patentino si accedeva per esame dopo aver seguito un corso tramite la scuola o autoscuola, corso che rilasciava un attestato di frequenza che abilitava all’esame. Dal 19 gennaio l’attestato non servirà più e l’esame si potrà fare semplicemente tramite autoscuola o da privatisti.

ETÀ MINIMA
La nuova direttiva comunitaria fissa l’età minima per il conseguimento della patente AM a 16 anni. Sì, avete capito bene: sedici anni. Ma niente paura, i singoli stati hanno la facoltà di abbassare questo limite a 14 anni. Quindi da questo punto di vista non cambia nulla, salvo quanto spieghiamo nel paragrafo successivo.

VALIDITÀ
Fino ad oggi il patentino non consentiva di guidare ciclomotori fuori dai confini nazionali (per mancanza di accordi comunitari reciproci). Ora invece cambia tutto: la AM è una patente a tutti gli effetti e quindi vale anche all’estero. Però la normativa parla di 16 anni come età minima, quindi chi la conseguirà a 14 nei Paesi in cui si potrà, dovranno aspettare 2 anni prima di guidare all’estero un 50 cc. Fino al raggiungimento dell’età regolamentare, la AM vale solo nel Paese in cui è stata rilasciata.

COSA RIMANE DEL PATENTINO
Chi ha già conseguito il patentino o lo farà prima del 19 gennaio è… salvo, chiaramente i diritti acquisiti sono tutelati. Però non potrà guidare all’estero, a meno di fare anche l’esame per la AM e di avere almeno 16 anni.

LA SCUOLA
I corsi che si tengono nelle scuole e che sono equiparati a quelli delle autoscuole (entrambe le istituzioni rilasciano l’attestato di frequenza che dà diritto a fare l’esame), a partire dal 19 gennaio non avranno più validità ai fini del conseguimento della licenza di condurre ciclomotori. I programmi infatti cambieranno e i materiali a disposizione delle scuole non saranno più sufficienti. Rimane la funzione di educazione stradale e di preparazione agli esami (una volta adeguati programmi e materiale didattico), ma la scuola non potrà mai fare il lavoro dell’Autoscuola, altrimenti incorrerà in sanzioni. Questo, ovviamente, a meno di modifiche ulteriori dell’ultima ora.

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia